Il tema è molto tecnico, cercheremo in questo articolo di semplificare al massimo i contenuti in modo da fissare solo i concetti cardine, utili a disegnare in modo chiaro i contorni della riforma per i temi che interessano.

Con la Riforma della crisi d’impresa (D. Lgs. n° 14/19) il legislatore ha tracciato (nel rispetto dei principi generali ed ai criteri direttivi fissati nella Legge 19 ottobre 2017, n. 155) una riforma organica della disciplina dell’insolvenza e della crisi di impresa, la cui attuazione comporterà impatti decisamente significativi sul sistema imprenditoriale.

Le principali finalità della riforma sono:

  • Individuare, attraverso specifiche procedure e indici di allerta, lo stato di “crisi” delle imprese in modo precoce rispetto al passato, prima che queste giungano in stato di insolvenza;
  • Proteggere la capacità imprenditoriale di chi va incontro a una liquidazione giudiziale (come sarà chiamato d’ora in poi il vecchio “fallimento”).

Le novità

Tra le novità introdotte, e aventi vigore decorsi 18 mesi dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, ve ne sono alcune che diventano efficaci già dal 30esimo giorno dalla pubblicazione, ovvero dal 16.03.2019. Vediamone alcuni nel dettaglio:

Assetti organizzativi dell’impresa (art. 375)

L’imprenditore, che operi in forma societaria o collettiva, ha il dovere di istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato alla natura e alle dimensioni dell’impresa, anche in funzione della rilevazione tempestiva della crisi dell’impresa e della perdita della continuità aziendale, nonchè di attivarsi senza indugio per l’adozione e l’attuazione di uno degli strumenti previsti dall’ordinamento per il superamento della crisi e il recupero della continuità aziendale.

NOTA: il dovere incomberà ora non solo sull’impresa organizzata in forma di società azionaria ma “all’imprenditore che operi in forma individuale, societaria o qualunque altra veste” e dovrà essere “adeguato alla natura e alle dimensioni dell’impresa”.

Assetti organizzativi societari (art. 377)

La gestione dell’impresa si svolge nel rispetto della disposizione di cui all’articolo 2086 c.c., secondo comma (introdotto dall’art 375 di cui sopra), e spetta esclusivamente agli amministratori, i quali compiono le operazioni necessarie per l’attuazione dell’oggetto sociale. Salvo diversa pattuizione, l’amministrazione della società spetta a ciascuno dei soci disgiuntamente dagli altri.

Responsabilità degli amministratori (art. 378)

[…]

Quando è accertata la responsabilità degli amministratori a norma del presente articolo, e salva la prova di un diverso ammontare, il danno risarcibile si presume pari alla differenza tra il patrimonio netto alla data in cui l’amministratore è cessato dalla carica o, in caso di apertura di una procedura concorsuale, alla data di apertura di tale procedura e il patrimonio netto determinato alla data in cui si è verificata una causa di scioglimento.Se è stata aperta una procedura concorsuale e mancano le scritture contabili o se a causa dell’irregolarità delle stesse o per altre ragioni i netti patrimoniali non possono essere determinati, il danno è liquidato in misura pari alla differenza tra attivo e passivo accertati nella procedura

Nomina degli organi di controllo (art. 379)

«La nomina dell’organo di controllo o del revisore e’ obbligatoria se la società:

a) è tenuta alla redazione del bilancio consolidato;

b) controlla una società obbligata alla revisione legale dei conti;

c) ha superato per due esercizi consecutivi almeno uno dei seguenti limiti: 1) totale dell’attivo dello stato patrimoniale: 2 milioni di euro; 2) ricavi delle vendite e delle prestazioni: 2 milioni di euro; 3) dipendenti occupati in media durante l’esercizio: 10 unità.

Ambiti assicurativi

Tra gli assetti aziendali richiamati dalla normativa rientrano certamente quelli legati alle strategie di gestione del rischio, incluso il trasferimento verso il mercato assicurativo. In sostanza è delineata una responsabilità in capo all’amministratore che non predisponga, attui e verifichi per la propria azienda un assetto assicurativo idoneo.

In ambito di gestione assicurativa la previsione fa sorgere in capo agli amministratori/imprenditori (a seconda dei casi) due principali incombenze:

  • Gestire e coordinare in modo adeguato gli assetti di gestione del rischio e relativo programma assicurativo;
  • Tutelare la propria attività verso eventuali richieste di risarcimento per danni patrimoniali verso terzi o verso la società stessa.

Le soluzioni oggi a disposizione dell’amministratore avveduto ci sono e, se applicate, possono contribuire ad apportare in azienda diversi vantaggi indiretti indotti da un’efficace e produttiva gestione dei rischi. Ai fini della corretta predisposizione di un programma assicurativo adeguato esistono sul mercato società specializzate nella valutazione dei rischi puri (i rischi maggiormente trasferibili e legati ai beni, ai danni ai terzi, al rischio cyber, ai trasporti ecc.) e nella consulenza per verificare le migliori soluzioni presenti sui mercati assicurativi.

In merito alla copertura di responsabilità civile per gli amministratori (detta D&o) ne abbiamo parlato diffusamente qui su nonsolofisco nell’articolo: D&o: l’evoluzione della specie.

Concludendo: l’imprenditore di oggi dev’essere in grado di costruire e governare gli assetti dell’azienda in modo avveduto e strutturato, avvalendosi delle migliori strategie nelle varie aree di competenza. Le responsabilità civili (e talvolta penali) che incombono ad ogni livello ed estese a ogni forma d’impresa richiedono attente valutazioni che, rispetto al passato, non possono più essere rimandate.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui