Quando parliamo di finanza agevolata intendiamo la totalità di investimenti che permettono di coprire il fabbisogno finanziario dell’azienda attraverso specifiche agevolazioni comunitarie, nazionali, regionali o addirittura provinciali e che per questo consentono alla stessa di crescere sviluppando nuovi progetti.

L’obiettivo che intende raggiungere il legislatore è quello di concedere alle imprese strumenti in grado di fornire soluzioni che incidano positivamente sullo sviluppo delle stesse consentendogli quindi di ottenere un vantaggio competitivo.

L’Italia è un grande Paese industriale e il motore della crescita e dello sviluppo economico è costituito proprio dal settore manifatturiero che è in grado di creare valore producendo ricchezza e occupazione. Per questo motivo sono numerose le politiche di agevolazione alle imprese promulgate dal Governo italiano mediante leggi, decreti e regolamenti attuativi.

In particolare stiamo parlando del Piano Nazionale Industria 4.0 che rappresenta una delle più importanti opportunità che le aziende del nostro territorio hanno per rimanere competitive nel periodo storico della quarta rivoluzione industriale.

Industria 4.0 intende colpire tutto il ciclo vitale delle aziende che vogliono investire per migliorare la propria posizione competitiva. Per farlo vuole dare sostegno in termini finanziari supportando gli investimenti, incentivando la digitalizzazione dei processi produttivi e incrementando le competenze dei lavoratori proponendo agevolazioni anche per quanto riguarda corsi di formazione.

A questo punto è opportuno descrivere come si compone il Piano Nazionale Industria 4.0:

  • L’Iper e il super ammortamento intendono supportare ed incentivare le imprese che investono in beni strumentali nuovi, in beni materiali ed immateriali funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi;
  • La Nuova Sabatini si propone di sostenere le imprese che richiedono finanziamenti bancari per effettuare investimenti in nuovi beni strumentali, macchinari, impianti, attrezzature di fabbrica ad uso produttivo e tecnologie hardware e software;
  • Il Credito di imposta per le attività di R&S vuole premiare chi investe nel futuro stimolando la spesa privata in Ricerca e Sviluppo per quanto riguarda l’innovazione di processi e prodotti con l’obiettivo di garantire la competitività futura delle aziende;
  • Il Patent box desidera rendere il mercato italiano maggiormente attrattivo per quanto concerne gli investimenti nazionali ed esteri di medio-lungo termine, prevedendo una tassazione agevolata su redditi derivanti dall’utilizzo della proprietà intellettuale.
  • Attraverso le Startup e le PMI innovative il Piano intende sostenere le imprese innovative nella totalità delle fasi che comprendono il loro ciclo di vita favorendo quindi lo sviluppo dell’ecosistema nazionale dell’imprenditorialità innovativa e diffondendo una nuova cultura imprenditoriale volta alla collaborazione, all’innovazione e all’internazionalizzazione.

Nei prossimi articoli descriveremo dettagliatamente i singoli elementi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui